X Cookies ci consentono di offrirti il nostro migliore servizio. Continuando la navigazione nel sito, lei accetta l’uso dei cookies. Clicca qui per ulteriori informazioni.

Cerchi una definizione che abbia a che fare con il Consiglio provinciale altoatesino ma non la trovi nel „Consiglio provinciale dalla A alla Z“? Allora inviaci la definizione, con una breve spiegazione sul perché dovrebbe essere inclusa nel dizionario. Per fare questo puoi utilizzare il seguente modulo:

La tua e-mail*:
Il tuo messaggio*:
Il Consiglio provinciale dalla A alla Z
Il Consiglio provinciale dalla A alla Z
lettera: S
Seduta congiunta
La seduta congiunta è una riunione periodica del Consiglio della Provincia autonoma di Bolzano, dell'Assemblea legislativa del Land Tirolo e del Consiglio della Provincia autonoma di Trento, che di norma viene convocata ogni due anni. Si occupa di tematiche di interesse transfrontaliero, sulle quali può anche deliberare.
Seduta plenaria
Al Consiglio provinciale riunito in seduta plenaria spetta la decisione definitiva su tutte le questioni che rientrano fra le competenze del Consiglio stesso, anche se molte di esse sono già state trattate in via preliminare dagli organi competenti del Consiglio. Il Consiglio provinciale si riunisce in seduta plenaria ogni mese, eccezion fatta per il mese di agosto. Ogni sessione comprende in media dai tre ai quattro giorni, e quindi in media si tengono all'incirca 40 sedute all'anno.
Seduta pubblica e Seduta non pubblica
Di norma le sedute del Consiglio provinciale sono pubbliche. Quando si trattano questioni riguardanti singole persone, il Consiglio può tuttavia deliberare, su richiesta scritta e motivata di almeno cinque consiglieri/consigliere, di riunirsi a porte chiuse. I cittadini e le cittadine e i rappresentanti dei mezzi di informazione hanno accesso alle tribune loro riservate nell'aula consiliare. Durante la seduta le persone ammesse alle tribune devono mantenere un contegno assolutamente corretto e rimanere in silenzio, astenendosi in modo assoluto da ogni segno di approvazione o disapprovazione.