X Cookies ci consentono di offrirti il nostro migliore servizio. Continuando la navigazione nel sito, lei accetta l’uso dei cookies. Clicca qui per ulteriori informazioni.

Cerchi una definizione che abbia a che fare con il Consiglio provinciale altoatesino ma non la trovi nel „Consiglio provinciale dalla A alla Z“? Allora inviaci la definizione, con una breve spiegazione sul perché dovrebbe essere inclusa nel dizionario. Per fare questo puoi utilizzare il seguente modulo:

La tua e-mail*:
Il tuo messaggio*:
Il Consiglio provinciale dalla A alla Z
Il Consiglio provinciale dalla A alla Z
lettera: V
Vicepresidenti
Oltre al/alla presidente, il Consiglio provinciale elegge anche due vicepresidenti tra i consiglieri e le consigliere appartenenti a gruppi linguistici diversi da quello del/della presidente. I/Le vicepresidenti coadiuvano il/la presidente, in particolar modo per quanto riguarda la direzione dei lavori in aula. Il/La presidente designa il vicepresidente o la vicepresidente chiamato/chiamata a sostituirlo/sostituirla a tutti gli effetti in caso di assenza o impedimento.
Visita in Consiglio provinciale
Le sedute del Consiglio della Provincia autonoma di Bolzano sono pubbliche e quindi possono assistervi tutti coloro che ne abbiano interesse. Una visita al Consiglio provinciale nel corso di una seduta consiliare rappresenta un'occasione unica per conoscere direttamente sul posto i compiti e il modo di lavorare del Consiglio e per farsi un'idea concreta dell'attività dei rappresentanti eletti/delle rappresentanti elette dal popolo. Ovviamente la sede del Consiglio provinciale è aperta agli interessati/alle interessate anche al di fuori delle sedute consiliari - i visitatori/le visitatrici sono sempre benvenuti/e!
Votazione
I consiglieri/Le consigliere manifestano la propria volontà votando "sì", "no" o astenendosi; le votazioni sono palesi per alzata di mano, orali per appello nominale o segrete mediante la consegna delle schede di votazione. Sulle questioni riguardanti persone la votazione avviene a scrutinio segreto.
Votazione a scrutinio segreto
Nella votazione a scrutinio segreto i consiglieri/le consigliere depongono la scheda di votazione nell'urna in ordine alfabetico per appello nominale. In tal modo non è possibile appurare chi abbia votato e come. Si prende comunque nota dei nominativi dei consiglieri/delle consigliere che hanno partecipato alla votazione. Se la votazione ha per oggetto l’elezione di persone, sulla scheda dovranno venire scritti i relativi nominativi.
Votazione per appello nominale
Su specifica richiesta o nei casi particolari previsti dal regolamento interno su certi oggetti si vota con votazione per appello nominale, vale a dire che i consiglieri e le consigliere vengono chiamati/chiamate per nome ed esprimono pubblicamente il loro voto ("sì", "no", astensione). Ne consegue che il voto di ogni consigliere/consigliera non solo è reso pubblico (ciò avviene anche nelle votazioni palesi per alzata di mano), ma viene anche annotato espressamente nel verbale della votazione.
Voto
Il Consiglio provinciale può occuparsi anche di materie che non rientrano nelle competenze della Provincia, ma che spesso sono di eminente interesse per la popolazione della provincia. Si tratta soprattutto di questioni di competenza dello Stato quali l'imposizione fiscale, la politica estera, l'immigrazione ecc. Le deliberazioni adottate dal Consiglio provinciale nelle citate materie sono chiamate voti. Sono rivolti al Governo e inviati allo stesso dal/dalla presidente della Provincia.